Californication – Il manifesto dei Red Hot Chili Peppers 20 anni dopo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

In tempi come questi è molto difficile trovare punti di riferimento da un punto di vista musicale. Con la “scomparsa” del supporto fisico va tutto più veloce e fai fatica a “trattenere” le realtà più interessanti. Ed è questo senso di smarrimento che porta alla luce un sentimento di nostalgia. Quel sentimento che ti pervade se oggi provi a riascoltare Californication dei Red Hot Chili Peppers. Se sei nato negli anni Novanta, o meglio ancora sei stato adolescente in quel periodo lì, questo album non lo puoi non conoscere, e non puoi non averlo.

Proprio in questi giorni ricorrono i vent’anni dalla pubblicazione di quell’album magistrale (quello che una volta si definiva un “manifesto generazionale”) che, contestualizzato nel periodo storico del dualismo tra boy band alla Take That e Backstreet Boys, e dello stile trash di Spice Girls e Britney Spears, sembra essere (anzi, lo è) uno schiaffo in faccia.

I presupposti di un capolavoro si notano fin dalla sua genesi. Terminata l’esperienza stilisticamente fallimentare con il chitarrista Dave Navarro, Kiedis e compagni decidono di reintegrare il vecchio amico John Frusciante, uscito sei anni prima a causa di una forte dipendenza da cocaina e eroina, ma ora completamente ristabilito. Alla produzione, invece, viene mantenuto il solito collaudato Rick Rubin. L’album viene composto all’unisono da tutti e quattro i membri della band; in particolare lo stesso Frusciante è molto ispirato, dato che gli incipit dei singoli più famosi nasceranno da improvvisazioni sulla sua Stratocaster.

Il risultato finale è un mix di Alternative Rock, Funky e Rap, ed è subito riscontrabile nella hit che apre il disco, Around The World, brano scritto da Kiedis dopo aver visto il film La vita è bella, e dove Flea e Frusciante fanno quello che vogliono, e lo stesso Kiedis si prende il lusso di cantare strofe fonetiche senza senso alla fine del ritornello. Si prosegue con Parallel Universe, dove il buon John si diverte a fare il Jimi Hendrix della situazione, e soprattutto dal vivo supera sé stesso (il solo finale durante il live a Slane Castle, rimane una delle sue più grandi performance dal vivo).

Ma quando si parla di Californication non si possono non citare tre canzoni: Scar Tissue, Otherside e la title track. La prima è stata il singolo trainante dell’album, a detta di Frusciante: “Nata da appena due note facili da suonare”, fortemente appoggiata dal produttore Rubin, con un solo finale che è tanta roba. La seconda è un’altra tipica ballad stile Red Hot quasi a voler richiamare Under The Bridge, per ricomporre un legame interrotto sette anni prima; e poi come non citare la stessa Californication, capolavoro assoluto dell’album, che racconta tutti gli eccessi della quotidianità californiana con rimandi alla droga e a Kurt Cobain.

E’ un album dove c’è tutto, ogni componente della band si mette a nudo, e dalle loro storie, i loro vizi, le loro paure e i loro tormenti nascono queste canzoni, destinate a rimanere ancora parecchio, dando il via al trittico perfetto targato RHCP che proseguirà con By the Way (2002) e Stadium Arcadium (2006), terminando con la nuova uscita di Frusciante dalla band, ancora oggi rimpianto dallo stesso Kiedis, consapevole che tutto quello che c’è stato dopo è solo una triste parabola discendente. Le persone cambiano, vanno, vengono, ma i capolavori restano.

Ivan Cecere

Ivan Cecere

Iscriviti alla nostra newsletter.

+39 06 9450 2938

Scrivici

info@elephantmusic.agency

Vieni a trovarci

Via Carlo Botta, 34 - Roma (RM)

Esprimici tutte le tue perplessità, saremo lieti di ascoltarti e risponderti il prima possibile. Se cerchi consigli su come produrre al meglio il tuo lavoro inviaci la tua demo!

© 2021 - All elephants are reserved. Elephant Music by ALL4BUSINESS s.r.l.s. - Via Carlo Botta 34 - 00184 Roma (RM) - P.iva: 15032911008

No template exist for the footer. Add new section template.